Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/11/2020 06:58:00

Mafia, droga e corse clandestine di cavalli, decine di arresti in Sicilia

In Sicilia sono state arrestate 33 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, corse clandestine di cavalli, scommesse clandestine su competizioni sportive non autorizzate, maltrattamento di animali, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, spaccio.

 Nel corso della notte, i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno dato esecuzione ad ordinanze applicative di misure cautelari personali e reali, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Messina, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Messina, nei confronti di 33 persone ritenute responsabili – a vario titolo – dei reati di associazione di tipo mafioso, corse clandestine di cavalli, scommesse clandestine su competizioni sportive non autorizzate, maltrattamento di animali, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione ha consentito di disarticolare un gruppo criminale facente capo alla famiglia mafiosa messinese denominata “clan Galli”, e di individuare una rete di distribuzione di sostanze stupefacenti operante in vari quartieri della città dello Stretto.

L’indagine ha documentato il controllo che il gruppo mafioso esercitava sul proficuo business delle scommesse illecite sulle corse clandestine di cavalli, effettuate nel messinese in orario notturno su strade urbane ed extraurbane, illecitamente chiuse al traffico veicolare da gruppi di giovani a bordo di scooter e motocicli, appositamente reclutati per consentire il passaggio indisturbato dei calesse trainati dai cavalli in gara. Inoltre, il sodalizio mafioso messinese si rapportava al “clan Santapaola” di Catania per regolare i rapporti e le controversie riguardanti le gare clandestine tra scuderie messinesi e catanesi, effettuate nei territori di confine tra le due province.

Tra gli indagati anche un veterinario compiacente che si prestava a somministrare farmaci agli animali al fine di incrementarne le prestazioni.

Sono in corso anche sequestri patrimoniali di beni riconducibili al gruppo criminale.