Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/11/2014 14:40:00

I medici dirigenti siciliani: "Il nuovo piano non garantisce livelli minimi di assistenza"

 Il piano di riordino del sistema ospedaliero in Sicilia mette a rischio i livelli minimi di assistenza stabiliti per legge. La pensano così i dirigenti medici siciliani che si schierano apertamente contro la Regione e le scelte che sono state fatte nelle ultime settimane

“I livelli essenziali di assistenza nelle Aziende sanitarie siciliane sono a rischio”. Scrive senza mezzi termini l’Anaao Assomed Sicilia. Si tratta dell’organizzazione che raccoglie i dirigenti medici.per i sanitari ”l’assessore regionale alla Sanità, Lucia Borsellino, ha formalizzato e trasmesso il 24 ottobre alla VI Commissione legislativa Ars, il Piano di rimodulazione della Rete ospedaliera senza avere ascoltato le numerose richieste di convocazione inoltrate, dal mese di agosto, da Anaao Assomed Sicilia alle istituzioni regionali”.

“In questa grave situazione, in assenza di una seria controparte politica, in stato di confusione per la girandola di governi regionali, ai dirigenti medici e sanitari di tenere alto il livello di attenzione e di prepararsi a significative manifestazioni a tutela della salute dei cittadini”.